home biografia le opere notizie Panikkar prize convegni internazionali filmati
Raimon Panikkar

sito ufficiale

Pluriversum Per una democrazia delle culture
(Introduzione di Serge Latouche)
Milano (Jaca Book) 2018

 

Non so se il termine «pluriversalismo» compaia nei testi pubblicati da Raimon Panikkar. Io non ve l’ho trovato né ritrovato. Per contro, l’idea vi è ben presente, nell’ambito dell’analisi dell’irriducibile diversità culturale e dell’impostura rappresentata dall’universalismo occidentale. E compare in modo ancor più esplicito in espressioni attestate quali «pluriprospettivismo». Ricordo perfettamente di aver ascoltato il nostro amico denunciare quello che oggi verrebbe definito «il pensiero unico» dell’uni-versum (un unico verso, rivolto verso l’uno) e pronunciarsi a favore di un «pluri-versum», un mondo plurale nonché pluralista. «Ci si domanderà», scrive, «se ciò che occorre sia l’universitas o non, piuttosto, una pluriversitas». Fatto sta che nella maggior parte dei casi egli si accontenta di utilizzare il termine più ambiguo «pluralismo». Non si tratta tuttavia, come precisa talvolta egli stesso, di quell’innegabile pluralità de facto che caratterizza le società contemporanee, bensì di un pluralismo de iure che tanto fatica a imporsi. Con il «pluriversalismo» si tratta proprio di promuovere una «democrazia delle culture», per riprendere un’altra delle sue espressioni.

 (dalla presentazione di Serge Latouche)

 



 

“Scrivere, per me, è vita intellettuale
e anche esperienza spirituale…
mi consente di approfondire il mistero della realtà.”