home biografia le opere notizie convegni internazionali filmati

Seoul 2007

Il terzo convegno internazionale su Raimon Panikkar ebbe luogo a Seoul, Korea, dal 7 al 9 giugno, 2007 ospiti della Yonsei University e della Sogang University. Il tema del convegno, organizzato da Young-chan Ro, fu “Religious Dialogue, Cultural Harmony, and Sacred Secularity: Raimon Panikkar’s Thoughs and His Contributions.”

Dr. Sang Kuen Kim del College of Theology alla Yonsei University svolse il ruolo di organizzatore locale del convegno. Il convegno ebbe inizio con il discorso di congratulazioni del Dr. S.K. Somaiya e con la lettura di Milena Carrara di una lettera da parte di Raimon Panikkar che non potè partecipare al’incontro. Subito dopo venne proiettato il video “I nove sutra della pace” un’intervista a Panikkar condotta da Francis X D’sa. La prima giornata si svolse alla Yonsei University College of Theology. Relatori furono Donald Dawe, Roger Rapp, Francis D’sa, Charlotte Sunde, Michiko Yusa, Paulo Barone, Anselm Min, Young-chan Ro. L’argomento dei loro interventi si concentrò sull’influenza di Panikkar sul protestantesimo americano, la sua idea di simbolo, di concetto di tempo, di santuario naturale, di ontologia e di misticismo. La sessione della seconda giornata si svolse alla Sogang University: relatori furono Sung-Hae Kim, Kala Acharya, Fabrice Dubose, Jangsaeng Kim, Bernard Senecal, Jae Dong Ryu, Myung Kwon Lee. I temi includevano il concetto buddhista di sofferenza, come dialogo religioso, implicazione terapeutica del dialogo interculturale di Panikkar, spiritualità e dialogo interculturale, ecc. Presiedevano le discussioni Kang-nam Oh, John B. Burns, Chaeyoung Kim, and Un-Sunn Lee e Seng Keun Kim. L’ultimo giorno del convegno tutti i partecipanti fecero un’escursione a un tempio buddhista fuori Seoul.

Raimon Panikkar

sito ufficiale

“Quanto più osiamo camminare per nuovi sentieri
tanto più dobbiamo restare radicati nella nostra tradizione
e aperti agli altri, i quali ci fanno sapere che non siamo soli
e ci consentono di acquistare una visione più ampia della realtà.”